ELENCO STORIE

Manuela ( nome inventato)
"Ciao. ..grazie di avermi risposto. ..come vi ho già scritto mi trovo in una situazione veramente senza via di uscita. ...indebitamento fino al collo.
Impossibilitata a comprare un pezzo di pane.
In casa siamo in 5 :io , mio marito due figli e mio fratello che si aggiunto . Mio fratello è stato colpito da un ictus che e non è in grado di lavorare ;è finito mezza una strada e non potevo lasciarlo li ...inoltre diabetico. .prende 8 pastiglie al giorno e una per diabete costa 70 euro. ..non ha tessera sanitaria perché per legge non ha soldi per avere iscrizione anagrafica.
Mio marito prende un stipendio ma tra i debiti che dobbiamo pagare , affitto luce , gas , non ci rimane niente già dopo 4 giorni.
Totale debito che abbiamo tra banca e resto sono 10 mila euro. ..ho gli estratti conto. ...
Fino che lavorava anche mio figlio andava tutto bene. Lui si adatta a fare tutto.
Abbiamo provato prendere soldi con finanziarie ma mio marito è finito su cativi pagatori e nessuno gli da più niente.
Abbiamo cercato privati ma ancora peggio. ..noi non vogliamo niente in regalo.
Ho la bolletta scaduta e da momento al l'altro non ho più neanche luce nè corrente e neanche acqua. .perché ho pozzo e se non c'è corrente la pompa non funziona .
Non ho soldi per mettere un po' de gas nel bombolone,ma tanto non ho soldi neanche per comprare pane figurati altro.
Gli amici ci anno prestato fino ad ora ma dobbiamo dargli indietro anche loro hanno problemi. ..noi non vogliamo niente in regallo ma trovare qualcuno che ci fa un prestito e che ci dà possibilità di restituire un po' al mese. ...con 5000 mila euro potremmo cominciare dal inizio.
..e qualcuno che mi può dare qualche soldo per fare la spesa, pagare luce , la bolletta e 119 euro.
..se qualcuno ci po aiutare. ..domani non so che metterò al tavolo da mangiare.
..se qualcuno mi po dare 200 euro per spese urgenti dimonstrero che ho pagato...

AIUTA

Cristina: "Vivo sola. Fino a novembre lavoravo facevo la pulizie in case private ; purtroppo da novembre in poi non hanno voluto più perché avevano problemi anche loro

Da quel momento in poi ho cercato di tirare avanti come meglio potuto con l’aiuto di quale amico, di mia sorella che abita qua vicino. Vado a mangiare da lei però mia sorella non mi può dare soldi perché anche lei guadagna 800 euro al mese ne paga 300 d’affitto e ha un figlio che non lavora perché ha problemi psicologici

Ogni 6 mesi faccio domanda per i buoni spesa ;150 euro di buoni . Il comune mi da un contributo per l’affitto che do direttamente al padrone di casa perché sono in arretrato anche con l’affitto e di parecchio tempo; per fortuna il mio padrone di casa è una persona comprensiva e non mi ha fatto lo sfratto.

Mi hanno detto di andarmi ad iscrivere alla Caritas ma io non voglio. "

Provincia di Pavia in Lombardia.

AIUTA

Cecilia ( nome inventato),38 anni

Potrei lavorare a Nettuno ,ad Anzio ma qua purtroppo per gli invalidi non c’è nulla .

Se devo spostarmi fino a Roma per me è complicatissimo.

Sono affetta da sindrome di nanismo. Uso le stampelle. ho problemi alle gambe perché mi sono sottoposta ad un intervento chirurgico per allungare le gambe con i ferri.

Sbagliarono tutta l’operazione perché ;negli anni 80 era in stato sperimentale qui in Italia.

Mi ritrovo sola .Un mese fa è morto il mio fidanzato.

I miei familiari non mi vogliono bene perché sono piccoletta ; non li vedo e non li sento da quando stavo con loro. Mi mangiavano tutta la pensione infatti sono arrivata a pensare che sono stati quasi contenti che mi hanno rovinato le gambe in modo che prendevo la pensione .

I miei se ne sono fregati di tutto , ormai sono anni dal 90 che ho avuto l’ultima operazione; sono sola come un cane e non ho nessuno ad aiutarmi ne economicamente ne psicologicamente

Sto a pezzi

Vivo in una casa popolare piccolina in primo piano , mi hanno fatto fare anche una autocertificazione che la responsabilità se cado dalle scale è mia .

Complessivamente prendo 800 euro al mese; pero' a causa della mia invalidita' non ce la faccio. Pensione 300 euro + l’accompagno 500 euro per lo stato io dovrei campare con 300 euro. Gli assistenti domiciliari che mi vanno a fare la spesa due volte a settimana.

Non ho riscaldamenti il comune dice sempre che metterà la caldaia ma ancora niente non ho l’acqua calda non ho nulla quando venni ad abitare in questa casa la caldaia era già rotta io chiesi e mi dissero si poi vediamo e sono passati 4 anni

Anche un aiuto che mi facciano uscire, sono in depressione più totale .

I miei familiari non mi vogliono bene perché sono piccoletta ; non li vedo e non li sento da quando stavo con loro. Mi mangiavano tutta la pensione infatti sono arrivata a pensare che sono stati quasi contenti che mi hanno rovinato le gambe in modo che prendevo la pensione .

I miei se ne sono fregati di tutto , ormai sono anni dal 90 che ho avuto l’ultima operazione; sono sola come un cane e non ho nessuno ad aiutarmi ne economicamente ne psicologicamente

Sto a pezzi."

AIUTA

Sono una mamma sola di tre bimbi di 12 anni 7 anni e 11 mesi. Vivrei con 600 euro al mese di mantenimento se il padre dei miei figli me li desse, ma è tempo che non li ricevo. I miei familiari mi hanno dato una mano per quanto hanno potuto, adesso anche loro sono in difficoltà. Ho lo sfratto in corso ,vivo un grande disagio economico!

Qualcuno di cuore ogni tanto mi fa la spesa. Non riesco a lavorare perché non ho chi mi tiene i miei piccoli. Ho bisogno di tutto: cibo, pannolini, vestitini, scarpe per i grandi, libri per i bimbi che vanno a scuola, soldi per le bollette e l'assicurazione dell'auto.

AIUTA

Ciao sono Nella, siamo stati sfrattati per risoluzione del contratto e siamo stati 8 mesi dentro un ostello poi,per mancanza di medicine, il 24/5/2015 ho avuto l’ictus.
Ricovero di 12 gg in ospedale e poi siamo tornati in ostello.
Vivo con la pensione d’invalidità dell’ictus e per l’invalidità civile perche io sono nata con un problema al piede.
Percepisco 270 euro e devo comperare medicine non mutuabili ( pantoptazolo e alprazolam); comperare il mangiare per due persone; pagare le bollette ;il condominio della casa che ci ha assegnato il comune.
Cerchiamo un piccolo aiuto economico io ho 51 anni e mio marito ne ha 58 anni.

AIUTA


Sono invalida civile perché all’età di 8 mesi ho avuto un incidente stradale in cuoi mio padre ha perso la vita .
Io ho avuto un trama cranico , sono stata in coma 22 giorni.
I medici mi avevano dato per morta e invece mi sono risvegliata ; per questo motivo percepisco 250 euro al mese. Gli assistenti sociali mi hanno trovato lavoro ma tutto volontariato senza retribuzione.
La mia vita diciamo che è fatta di volontariato ; sono una grande amante degli animali.
Ho una mamma che lavora ma non posso vivere a spese di mia mamma.

Le mie esperienze sono: un anno ho lavorato come impacchettamento legumi e è stato l’unico lavoro retribuito poi ho diciamo lavorato (in realtà è volontariato) come collaboratrice scolastica presso la scuola media san Giacomo di Spoleto ; ora faccio volontariato in un ostello della gioventù

Cerco un lavoro che mi permette di vivere dignitosamente senza dover chiedere aiuto a mia madre non ho la patente e sono iscritta alla legge 68

AIUTA

Ho due bambini disabili sono in un centro di riabilitazione e li vedo.una volta al mese quando ho la possibilità di affittare una macchina .
Nel mese di agosto devo prenderli per forza perché il centro chiude
Per affittare una macchina mi costa 75 euro al giorno e io non ce l'ho! Stanno a casa 15 giorni e in quei giorni dovrei avere un infermiere a disposizione per mio figlio che ha bisogno e non ho i soldi ,sono senza lavoro se magari qualcuno si possa rendere disponibile qualche infermiere possibilmente!!!
Vi prego aiutatemi!"
Liliana

AIUTA

La prima volta mi hanno mandato in un ostello insiemi ai mie figli minorenni poi dall’ostello mi hanno mandato con i miei figli in una casa famiglia , poi mi hanno tolto da li perché mio figlio era maggiorenne quindi poi ho trovato una signora che mi ha fatto entrare in casa senza pagare l’affitto ! Per un po' mi ha fatto questo favore però dopo doveva vendere la casa per necessità ed io sono dovuta uscire.
Ho trovato una casa senza dare caparra.
Dopo mio figlio ,dato che era maggiorenne, ha lavorato un pò poi lo hanno licenziato ha fatto sempre lavori saltuari.
Io ogni tanto vado a pulire.
Noi ora viviamo con un supporto di 250 euro al mese, l’affitto non lo paghiamo ,le bollette ogni 3 mesi me le paga la caritas però ora mi è venuto 299 euro di acqua e quella non lo so se me la passano .
Ora mio figlio non lavora più e mi hanno dato 3 mesi di tempo; dopo di che cominciano a scrivere per sfratto esecutivo .
Per la casa popolare ho 9 punti me ne mancano 2 ma bisogna vedere se ci rientro.
I miei figli hanno 21 anni e 14 anni, mio figlio ha la 3 media è in grado di fare qualsiasi lavoro, gli piace fare il barista. Io ho 45 anni , mio marito voleva che stessi a casa con i bambini .
Avevo trovato un lavoro come baby sitter ,mi facevano regali ma non mi pagavano e io lo facevo a tempo perso.

Poi mio marito ha aperto un attività di pizzeria ;andava benissimo .
Lui si è invaghito di una ragazza , ha chiuso l’attività ,speso tutti i soldi e ci hanno fatto lo sfratto.
Noi avevamo la separazione con addebito che lui doveva dare l’addebito a me e in più gli alimenti per i miei figli .
Mio figlio ha compiuto 18 anni e ora li da solo per la figlia.
Io sono disposta a lavorare anche da badante o donna di servizio e ho anche ricevuto proposte di lavoro. Mi potrei trasferire nell'abitazione ma accettano accettano me con mia figlia ma mio figlio no.

AIUTA

Mi chiamo Diana e vivo a Roma ,ho due bimbi piccoli.

N. , il maschio, ha 2 anni e mezzo;
C. , la femmina,1 anno e mezzo.
N. ha avuto un’infezione al cervelletto, non riusciva a camminare.
lo l'ho portato al bambin Gesù e con tutte le cure sembra essersi ripreso però eventuali danni dovranno essere valutati con la crescita.

In quel periodo abitavo in una casa in affitto e il padrone di casa la voleva indietro per suo figlio.
Noi non sapevamo dove andare.
Gli avvocati hanno stabilito che dovevo andarmene ma nei tempi dovuti...uno o due anni.
Alla mia uscita dall’ospedale la casa era chiusa con i lucchetti.
Doveva essere stato per forza lui e ho chiamato la polizia denunciandolo.
L'ho chiamato per riprendere la mia roba perché avevo tutto li dentro e dopo tanto mi ha dato un appuntamento.
Quando sono andata all’appuntamento lui aveva buttato tutto dentro la spazzatura; i secchioni erano pieni dei nostri oggetti.
Aveva distrutto tutto anche le cose dei bambini.
Ho fatto una ulteriore denuncia per cercare di entrare in casa ma lui se ne è fregato. Sono andata con la
polizia ad aprire casa e non c’era nulla.
In pratica lui ci ha privato di tutto.
Ora ci hanno assegnato una casa comunale ma anche qui la signora che ci abitava prima non aveva pagato nulla quindi non avevamo nè acqua cada nè niente..

Io sono una animalista e tramite l'aiuto delle altre animaliste sono riuscita a pagarmi le bollette.
Mi hanno attaccato luce e gas per un importo intorno agli 800 euro e portavano il mangiare e i vestiti.
Io avevo un compagno ma è caduto in depressione quando ha perso il lavoro poi il bimbo si è ammalato e con la depressione si è allontanato; Io sono rimasta sola con loro.
Mio marito ora è all’Aquila e se trova lavoro di sicuro gli alimenti per i bimbi me li darà.
Io fino a che i miei figli non vanno all’asilo non posso lavorare.

AIUTA

Ho lavorato in teatro e in laboratori per ragazzi da trent’anni.
Il lavoro in teatro non paga da 4 anni e mi sono riempito di debiti.
Vorrei continuare ma non pagano , non ci sono i soldi e il teatro per ragazzi è una missione.
È una situazione brutale che non mi permette di fare questo mestiere, ora sto cercando di fare anche
altro.
Ora in realtà la cosa che mi servirebbe purtroppo è del denaro, anche una piccola somma per
permettermi di risollevarmi un po' da questa situazione.
Non so come pagare l’affitto e non ho piò nulla da parte, perché occuparsi di teatro ha portato un costo
perchè lo si fa anche per beneficienza.
Chiedo del denaro, anche poco, per permettermi di arrivare a settembre. Poi spero che ci saranno
possibilità per me di lavorare in laboratori nelle scuole. Mi sento anche in imbarazzo perché nella mia
vita ho sempre aiutato le persone e ora mi ritrovo in una situazione di difficoltà.
Alle persone vicine puoi anche chiedere prestiti ma dopo mi riempio di altri debiti.
Chiedo un contributo economico che mi permette a sua volta di andare avanti.
Un’altra soluzione sarebbe un laboratorio di teatro all’interno di una asociazione onlus che mi permetta
di fare il mio mestiere di teatro.

AIUTA